Osservazioni conclusive sulle affordance

Questi risultati hanno costretto a perfezionare la nozione classica dell'affordance, mettendo in evidenza che, almeno a livello basico, le affordances possono dipendere dalla relazione spaziale tra le funzioni situazionali e di tutti gli attori che potrebbero essere coinvolti in quella situazione. A questo proposito, è opportuno notare che il fatto che più di un individuo potrebbero essere coinvolti nella stessa situazione implica non solo la presenza di più di un membro nella relazione dell'affordance, ma anche (e soprattutto) la riconfigurazione della natura e del range della relazione stessa. Quello che questi esperimenti dimostrano è che le funzioni situazionali possono suggerire o richiedere una data azione a noi direttamente, quando cadono nel nostro spazio peripersonale, con il risultato di essere pronti alla nostra presa, o indirettamente, quando cadono all'interno lo spazio peripersonale di altri individui.

Paradossalmente sembra che il vincolo spaziale non riduca affatto il range della relazione dell'affordance semmai, esso si estende nel suo campo di applicabilità per mezzo di un meccanismo specchio che ci permette di abbinare lo spazio circostante di altri con il nostro spazio peripersonale, in tal modo si mappano le potenzialità di azione degli altri sul nostro repertorio motorio. Inoltre, il fatto che la relazione dell'affordance non sia una struttura privata di un singolo individuo, ma che si basi su un meccanismo specchio che permetta di condividere lo spazio della propria azione con gli altri, evidenzia che l'indagine dell'affordance obbligatoriamente comporta rapporti con i processi cognitivi alla base della cognizione sociale basica.

A questo proposito, è stato proposto che un "sistema specchio puramente sensoriale corrisponderebbe a eventi percettivi attraverso organi di stimolo sensoriale, anche in assenza di azione motoria osservate o eseguita", dando così origine ad una "rappresentazione del corpo interpersonale" che "può riflettere un primo passo verso la capacità umana di monitorare gli specifici contenuti dettagliati di altre menti "(Thomas et al, 2006). Senza voler negare la rilevanza di una mappatura sensoriale della base specchio che si verifica a livello dello spazio corporeo (personale), dai dati risulta che una mappatura della base specchio potrebbe verificarsi anche a livello dello spazio peripersonale, inoltre, questi dati mostrano che questa mappatura non è puramente sensoriale ma è anche motoria per natura. Ciò non significa che il meccanismo specchio per lo spazio peripersonale richieda l'osservazione di un'azione eseguita per essere attivata. Anzi, al contrario. L'attivazione può avvenire solo dalla vista di un corpo situato potenzialmente in modo da poter interagire con le cose circostanti. Tuttavia, a causa del suo formato motorio, il meccanismo specchio per lo spazio peripersonale permette non solo di localizzare gli stimoli sensoriali intorno agli altri, ma anche (e soprattutto) di capire il loro corpo in termini di una serie di potenzialità motorie.

I risultati di Gallese e Sinigaglia (2010) suggeriscono che non solo il nostro corpo, ma anche il corpo degli altri è vissuto soprattutto come una serie di potenzialità motorie, che definiscono l'orizzonte del mondo circostante in cui vivono. Come il nostro corpo, il corpo degli altri è dato a noi come un corpo integrato in un proprio spazio che comprende tutte le funzioni offerte, cioè, tutte le potenzialità motorie che sono effettivamente pronte alla manipolazione.

In conclusione, abbinando lo spazio intorno al corpo degli altri con lo spazio di azione del nostro corpo, il meccanismo dello spazio specchio ci fornisce una pre-comprensione immediata del proprio corpo come un organismo che agisce così come il range effettivo della la loro organizzazione corporea. Tale pre-comprensione sembra giocare un ruolo critico nella comprensione delle azioni, almeno al livello basico dell'azione della base motoria e la comprensione dell'intenzione, permettendo quindi di evidenziare i primi passi nella nostra realizzazione percettiva degli altri oltre al nostro condividere di un mondo comune con loro.

joomla templatesfree joomla templates